Roero Arneis

 

Nome

Roero Arneis

Marchio di qualità

Denominazione di Origine Controllata e Garantita.

D.O.C. - D.P.R. 18 aprile 1985

D.O.C.G. - D.M. 23 marzo 2006

Descrizione

Bottiglie di Roero ArmeisSulle arenarie siccitose del Roero, terreni soffici e permeabili dove gli strati sabbiosi sono inframmezzati da sottili strati di marne, l'Arneis acquista profumi sottili ed eleganti che richiamano i fiori bianchi e suggestioni di frutta fresca che vanno dalla mela alla pesca alla nocciola. Brillante nel suo giallo paglierino che scarica vivaci riflessi verdognoli, si propone secco e delicatamente acidulo al palato, con una gradevole persistenza di retrogusto amarognolo.

Deriva dalla vinificazione di uve Arneis in purezza e la gradazione alcolica minima complessiva è di 11 gradi. Accanto alla tradizionale vinificazione esiste la possibilità di produrre il Roero Arneis Spumante: in questo caso abbinato ad una spuma persistente emergono sentori di lievito, di crosta di pane e di vaniglia.

Area di produzione

La zone géographique de production du Roero est située à gauche du fleuve Tanaro, dont le vin tire son nom. Elle concerne l'ensemble du territoire administratif des communes de Canale, Corneliano d'Alba, Piobesi d'Alba, Vezza d'Alba et une partie du territoire des communes de Baldissero d'Alba, Castagnito, Castellinaldo, Govone, Guarene, Magliano Alfieri, Monta, Montaldo Roero, Monteu Roero, Monticello d'Alba, Pocapaglia, Priocca, Santa Vittoria d'Alba, Santo Stefano Roero, Sommariva Perno à gauche du fleuve Tanaro.

Visualizza la cartina dell'area di produzione del Roero Arneis in provincia di Cuneo.

Storia e Tradizione

Tenuta CarrettaQuesto vino bianco che nasce dalle uve di un vitigno antico e spesso ricordato con il nome latino "Renexium" nelle zone viticole del Piemonte, è stato protagonista negli ultimi trent'anni di un singolare caso di rinascimento vitivinicolo nel Roero, la zona collinare alla sinistra del fiume Tanaro.

Citato a partire dalla fine del '400 in vari documenti che si riferiscono a questo territorio, oggetto di esperimenti di vinificazione come vermout verso la fine del '700, fino all'800 era considerato uno dei vitigni più validi e radicati nella mentalità produttiva, tanto che il suo vino era citato espressamente negli inventari contabili come "bianco Arnesi" mentre il resto andava sotto la voce di "bianco di uve diverse".

Secondo l'usanza del tempo era prodotto probabilmente come vino dolce, ma le sue scorte nelle cantine equivalevano, quando non le superavano, a quelle del Nebbiolo.

Ancora agli inizi del '900 era talvolta definito come Nebbiolo bianco e la sua immagine era già legata esclusivamente al Roero.

Poi fu fatalmente colpito dalla crisi della viticoltura e dallo spopolamento delle campagne a cavallo delle due guerre mondiali, al punto che alla fine degli anni sessanta era ridotto a pochi ettari di impianto, filari sparsi qua e là tra quelli di Nebbiolo, soprattutto a contorno dei vigneti per tenere lontani gli uccelli dalle uve nere, più remunerative, con acini dolcissimi e di precoce maturazione.

E' stata intuizione imprenditoriale di alcuni produttori vitivinicoli che hanno voluto imporre un bianco di valore in una terra che sembrava destinata solo ai vini rossi, a ridare visibilità e prestigio al vino e al suo territorio d'elezione: il Roero.

Cavalcando l'onda dei vini bianchi richiesti dal mercato negli ultimi decenni è diventato in poco tempo il bianco piemontese più di moda, dando fiato agli impianti ed alla produzione. Ama la cucina semplice ed elegante, il pesce naturalmente, soprattutto quello di lago e di fiume, le carni bianche, le verdure, i primi delicati di pasta e di riso. Nella versione passita, che profuma deliziosamente di miele e di frutta secca, accompagna i dolci più sontuosi con sicura personalità.

Nel 1994 viene costituito l'attuale Consorzio di Tutela Barolo, Barbaresco, Alba Langhe e Roero, punto di riferimento per le aziende vitivinicole del territorio tra Langa e Roero, che hanno individuato in questa struttura lo strumento più idoneo per affrontare insieme ed in modo autorevole i problemi di sviluppo e di organizzazione della propria realtà e del settore nel suo complesso.

Consorzio Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Roero

 

Consorzio Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Roero

C.so Enotria, 2/c - Ampelion - 12051 Alba
Tel: 0173 441074
Fax: 0173 361380
E-mail: consorzio.vini@langhevini.it
Sito web: www.langhevini.it

Enoteca Regionale del Barolo Enoteca Regionale del Roero
Via Roma, 57 - 10043 Canale (CN)
Tel/Fax: 0173 978228
E-mail: informazioni@enotecadelroero.it
Sito web: www.enotecadelroero.it

Orario di visita
Tutti i giorni dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.30
Giorno di chiusura sia dell'Enoteca che del Ristorante: mercoledì.

Oggi il fascino di questo vino non si è esaurito, anche se la tipologia secca si è definitivamente affermata ed una scelta ragionata degli impianti ha arricchito i vigneti di substrati geologici più ricchi che assecondano maggiormente la struttura del Nebbiolo.